sabato 11 marzo 2017

Fagottini di tacchino con cima di rapa e burrata

Eccoci tornati!
Con le bellissime giornate di questo periodo viene ancora più voglia di mangiare qualcosa di sfizioso!
Proprio per questo vi proponiamo oggi una bellissima e soprattutto buonissima ricetta.

Prima di tutto vanno pulite e fatte lessare per 5 minuti in acqua bollente e salata le cime di rapa.
Una volta pronte, lasciatele raffreddare per bene e poi strizzatele a dovere. E' importante questa procedura per evitare che il ripieno sia troppo umido. Adesso non vi rimane che tritarle grossolanamente con il vostro bel coltello e metterle in una ciotola.

Ora scolate la vostra burrata e, anche qui, andiamo a sminuzzarla. Terminata questa operazione, la nostra buonissima burratina raggiungerà le cime di rapa nella ciotola.

A questo punto per completare il magico trio della ciotola mancano solo dei pomodorini secchi tritati.

Se volete fare poker potete aggiungere anche del grana grattuggiato ( io non l'ho messo)

Amalgamate il tutto per bene ed il vostro ripieno è pronto.

Per la panatura ci servirà del pan grattato, dei grissini sbriciolati con le mani (siiiiii ancora più croccantezza) e un po' di peperoncino in polvere  o meglio  ancora secco (qui andate a gusto)

Mmm...cosa manca? a già! i fagottini :-D! Prendete le vostre belle fettine di fesa e battetele col batticarne. Più saranno sottili più sarà facile preparare i fagottini e più veloce sarà la cottura.

Stendete le vostre fettine battute, distribuite su un lato il ripieno e col lato libero chiudete il fagottino. Premete per bene sui bordi per chiudere il tutto. Con premete bene intendo benissimo! la delusione di vedere uscire il ripieno in cottura richiede anni di terapia :-D

Passate ora i fagottini nell'uovo e poi nel pane.

Veniamo alla cottura. In una padella mettete un dito di olio (in orizzontale il dito, non in verticale...non fate come me quando dico che ho bevuto un dito di vino :-D). Friggeteli un minuto per lato, asciugateli, metteteli in una teglia da forno e infornate a forno caldo (180°) per 15/20 minuti a seconda dello spessore.

Salate e...Buon appe!!!


(la foto avrebbe potuto certamente esser migliore, ma la gola ha prevalso in questo caso)

Lista della spesa

6 fette di fesa di tacchino
500 gr di cima di rapa
250 gr di burrata
grissini
pan grattato
grana
peperoncino in polvere o secco
pomodorini secchi
olio di semi per friggere
sale


domenica 19 febbraio 2017

Cheese cake alla giapponese

Contro il logorio della vita moderna bisogna coccolarsi con dei buoni dolcetti 😀
Girando un po' su internet ho trovato questa ricetta, che ho provato e ora vorrei condividere con voi.
Il dolce che vi propongo oggi ha almeno tre pregi. Il primo è che è velocissimo, il secondo è che richiede pochissimi ingredienti ed infine, il terzo, oh, è pure buono! Ed oltretutto vi avanzerà del cioccolato bianco per ingannare l'attesa della cottura :-)

Iniziate accendendo il forno a 170°, così sarà già a temperatura.
Iniziate rompendo...le uova. Separate i tuorli dagli albumi.
Sciogliete il cioccolato. A bagnomaria oppure al microonde. Io ho provato al microonde e l'ho bruciato. Quindi se nei commenti volete scrivermi come avete fatto...beh farete cosa gradita.
Una volta sciolto il cioccolato amalgamatelo con il formaggio, quindi aggiungete i tuorli e amalgamate per bene.

A parte montate gli albumi a neve. Quando avrete un composto bello compatto aggiungete un poco alla volta e mescolando dal basso verso l'alto l'impasto col cioccolato. Non voglio mettervi pressione, ma questo è il passaggio decisivo. Se gli albumi si dovessero smontare sappiate che non vi attende nulla di buono...

Ora prendete una tortiera (dai 15 ai 17 cm di diametro) imburratela, foderatala sotto e ai lati con carta da forno ed infine versateci dentro il composto che avete ottenuto.

Mettete la tortiera in una teglia da forno e aggiungete alla teglia dell'acqua cada per effettuare una cottura a bagnomaria in forno.

Per 15 minuti cuocete a 170°, poi abbassate a 160° per altri 15 minuti ed infine a forno spento per un altro quarto d'ora.

Lasciate raffreddare, togliete dalla tortiera, aggiungete lo zucchero a velo e buon appe!!!



Lista della spesa

3 uova
120 g cioccolato bianco
120 g crema di formaggio (io ho usato Philadelphia, ma forse col mascarpone...:-))
Zucchero a velo


sabato 17 dicembre 2016

Cestini con cotechino, lenticchie e mela

Oleeee! Le feste sono alle porte!Questo vuol dire avere la possibilità di mangiare uno dei miei piatti preferti! E visto che a Natale siamo tutti più buoni :-) condividerò con voi questa ricetta! Ve lo anticipo già...crea dipendenza...ed è buona buona buona in modo assurdo.

Iniziamo dalle lenticchie.
Visto che come dice Cracco "se vuoi fare il figo usa lo scalogno" e noi siamo fighissimi...affettate lo scalogno e con un filo di olio fatelo appassire in una casseruola.
Aggiungete le lenticchie non ammollate e sfumate con mezzo bicchiere di vino bianco. L'altra metà del bicchiere di solito è per chi cucina :-D
Coprite le lenticchie con il brodo e lasciate cuocere per 40 minuti. Di tanto in tanto buttate un occhio per verificare che il brodo non si sia asciugato troppo. Nel caso fate un'aggiuntina.

Capitolo pasta brisée

Ci sono due strade...prepararla da sè o prenderla già fatta...So che non è bello ma io per questa ricetta il primo anno ho fatto da me...il secondo ho preso la pasta già pronta...Considerando le tavole e le portate di questo periodo vi suggerisco questa strada.
Quindi con un coppapasta tagliatela a dischi, che andranno poi messi in degli stampi da tartelletta se li avete... io che non li ho uso quelli per i cupcake :-D. Una volta posati i dischi e creati i bordi riempite tutto con dei fagioli o dei ceci per evitare fastidiosi rigonfiamenti e infornate per 20 minuti a 180°.
Trascorsi questi 20 minuti sfornate, togliete dagli stampi e lasciate raffreddare

Capitolo cotechino

Lessatelo e tagliatelo a rondelle spesse 4/5 mm

Capitolo Mela

Pelatela e  mettetela in microonde alla massima potenza per 3 minuti, diversamente, sempre  pelata, immergetela per metà in acqua bollente e lasciatela andare per 10 min.
Infine frullatela per ottenere un purè.

Ok ci siamo. Prendete le tartellette, mettete il purè di mele, le lenticchie ed il cotechino e mettete in forno già caldo (180°) per 4/5 minuti.

Se l'avete potete aggiungere sopra della mostarda di mandarino che ci sta tanto bene.
Noterete che la mela sgrasserà di molto il sapore del cotechino rendendolo un piatto clamorosamente buono.

Buon appe e buone feste!!!



Tenete presente che la lista che vi darò è per 15 tartellette ma che io ne mangio 3 alla volta...

1 Cotechino
150 g di lenticchie
1 Mela golden
1 Scalogno
3 Pezzi di basta brisée
Brodo
Olio
Mostarda di mandarino

domenica 11 settembre 2016

Spaghetti con burrata e pomodorini sott'olio

Ahimè vacanze finite!(a dire il vero già da un po', è solo per giustificare la mia pigrizia:-)). come sono andate le vostre? che avete fatto?

Beh insomma si torna alle ricette!
Quella di oggi è veramente superveloce ma, allo stesso tempo, supergustosa!

Mettete a cuocere gli spaghetti e nel frattempo iniziate a frullare per pochi secondi la burrata, poi tagliate i pomodorini sott'olio a striscioline.

Trasferite la burrata ed i pomodorini in una ciotola, aggiungete un po' di peperoncino tritato, un filo d'olio, un po' di acqua di cottura degli spaghetti e la vostra salsa sarà pronta.

Una volta cotti gli spaghetti mescolateli con la salsa, aggiungete delle foglioline di basilico fresche, impiattatate e....

Buon appe!!!!




Lista della spesa:

Spaghetti 3 etti (io ho usato quelli integrali)
Burrata
Pomodorini sott'olio 100 gr
peperoncino fresco
EVO
Sale

domenica 10 luglio 2016

Lassi al mango, superdissetante!

E' ironico che nel finale del trono di spade appena andato in onda sia arrivato il grande inverno e qui (almeno a Milano, ma temo ovunque) sia arrivata una temperatura che il mio forno fa fatica a raggiungere...
In ogni caso stavo pensando a qualcosa per combattere il caldo e mi è venuta in mente l'India... oltre ad essere un posto che mi piacerebbe visitare ha una cucina buonissima, ma piccante ed un clima davvero caldo...
E come fanno mi son chiesto? Beh hanno delle bevande davvero dissetanti e rinfrescanti... una di queste è il lassi.
Secondo me è ottimo per colazione o anche a pranzo se volete fare un pasto leggero, magri accompagnandolo con qualcosa. Anche per i più piccoli penso sia una merenda sana.

La preparazione è facilissima. Prendete il frullatore e buttate dentro il mango pelato e tagliato a pezzi(trovare il lato del nocciolo per me rimarrà sempre un mistero), il ghiaccio, l'acqua, lo yogurt ed il miele. Frullate alla massima velocità per un paio di minuti buoni.

Aggiungete se vi va il latte di cocco mescolando per bene e...

buon appe...ops...Cin cin :-D




Lista della spesa

2 mango
1 cucchiaino di miele
6 o 7cubetti di ghiaccio
200 ml di acqua fredda
300 gr di yogurt naturale
100 ml di latte di cocco

venerdì 24 giugno 2016

Tartare di salmone aromatizzato allo zenzero ed erba cipollina su salsa di avocado con pinoli tostati

L'altra sera ero a casa solo soletto, allora ho deciso di coccolarmi un pochino.
Avevo a casa un avocado che ormai era pronto...vi chiederete...ma hai una coltivazione di avocado? eh...purtroppo no, ma come avrete capito mi piace molto.

Va beh non divaghiamo...ed iniziamo con la ricetta.
Partiamo dal salmone. Ci sono due strade. O prendete il trancio, togliete tutte le lische, la pelle e lo riducete a cubetti, oppure, fate i pigri (ve lo confesso, stavolta sono stato pigro) e ormai molti supermercati o pescherie vendono già il salmone tagliato per preparare la vostra bella tartare.
In ogni caso io per preparare questo piatto mi sono aperto una birretta. Così per non sentirmi solo. Ho anche dovuto combattere con Lucy, la mia cagnolona che è ghiottissima di salmone crudo. Tutta "colpa" di un pescivendolo ligure...ma questa è un'altra storia...
Piccola nota seria: assicuratevi che il salmone sia stato abbattuto e quindi pronto per esser mangiato crudo (oltre alla pigrizia il fatto di prenderlo già pronto mi lasciava più tranquillo) se no dovrete tenerlo nel vostro freezer per almeno 4/5 giorni se non volete rischiare una bella gita al pronto soccorso.

Beh insomma una volta pronti i cubetti conditeli con scorza grattugiata di limone o lime (io avevo solo il limone), sale, pepe, erba cipollina tritata fine fine, succo di zenzero e, solo se lo avete, aceto di riso.
Come si ottiene il succo di zenzero? Facile. Prima lo grattugiate e poi lo spremete con le mani. Per le dosi fate voi a vostro gusto.
Coprite il tutto con una pellicola e lasciate marinare per almeno mezzora in frigorifero.

Sorseggiate la birretta e passiamo alla salsa di avocado.

In una pentola antiaderente fate tostare i pinoli. Occhio a non bruciarli che poi sono pinoli amari. (Li ho aggiunti perché volevo qualcosa di croccante)

Tagliate l'avocado a metà (che sia maturo mi raccomando), privatelo del nocciolone e, scavando con un cucchiaio, trasferite la polpa in una ciotola. Aggiungete sale, pepe, il succo di mezzo limone o lime e schiacciate il tutto con una forchetta. Aggiungete a questo punto i pinoli ed i pomodorini tagliati a pezzi piccoli e mescolate.

Bene è tutto pronto. Prendete un coppa pasta, salsa sotto e salmone sopra e...buon appe!



Lista della spesa:

Salmone norvegese
Limone/Lime
Erba cipollina
Zenzero
Avocado
Pinoli
Pomodorini (dai 3 ai 5. Anche qui andate a gusto)
Aceto di riso (vedete voi, certo il suo gusto lo da)

Tranquilli Lucy un paio di pezzettini sconditi li ha avuti...come al solito....

domenica 12 giugno 2016

Spaghetti con avocado e salmone affumicato

Finalmente il mio mini-boss mi ha dato il permesso di scrivere!E di indossare bizzarri cappelli!
Abbiamo fatto la prima vacanza insieme al mare con tanto di volo! E' stato bravissimo! Mamma e papà sono super orgogliosi!
Ok finito l'angolo del padre che gongola, veniamo alla ricetta. Siamo qui per questo no?

Diciamo subito che è rapidissima, ma ha la sua bella golosità, che non guasta mai.

Il tutto si fa mentre l'acqua per la pasta è sul fuoco e gli spaghetti cuociono.
Pelate l'avocado, riducetelo in pezzettoni, aggiungete una fetta di cipolla, il succo di mezzo lime e tritate il tutto con un frullatore ad immersione. Una sorta di guacamole insomma. Buttate nella salsa ottenuta il nocciolone dell'avocado. Rallenterà l'ossidazione e manterrà un verde più brillante.
Ora se avete trovato il salmone affumicato già a cubetti o a striscioline avete finito, se no dovrete farle voi.

La pasta a questo punto sarà pronta, trasferitela in una ciotola, mescolate per bene il sugo e...

Buon appe!
P.s. ricordatevi di togliere il nocciolone :-D



Lista della spesa

Spaghetti
Avocado
Cipolla
Lime
Salmone affumicato

Per dovere di cronaca la mia dolce metà preferisce questa ricetta con l'avocado tagliato a cubetti.